Natura

Camminiamo tra ulivi, installazioni di rosmarini e siepi con bacche rosse, boschetto di querce, sedute di sassi, ginestra mediterranea, alberi di fico, ciliegi, mandorli, cespugli di noccioli e piccoli agrumi. Il giardino, lasciato volutamente in stile rustico, è immerso nel contesto spontaneo. Alcuni viticci d’uva dell’antico vigneto, sono lasciati a memoria nella zona dove è stato inserito il progetto della piscina. Le vecchie porte originali del casale, installate nel parco, rimandano a una trasposizione teatrale, ambiente metafisico e rarefatto: metafora di presenze e assenze.

Il corpo, come raccomanda l’Organizzazione Mondiale della Sanità, ha bisogno di almeno 5mila passi, lenti, al giorno.

Lo scrittore Luis Sepùlveda, autore di una straordinaria favola intitolata Storia di una lumaca, che scoprì l’importanza della lentezza, arriva ad attribuire alla lentezza il valore di un comportamento di rottura, di un gesto rivoluzionario.
“La natura è in continuo cambiamento, in perenne stato di metamorfosi ed è quindi imprevedibile, senza forma….
La realtà può essere intuita e trovata nella natura: mentre noi lavoriamo con la natura, la natura lavora con la nostra anima, permettendoci di dare sfogo alla nostra energia creativa.” (citazione Joseph Beuys)